Registrarsi come libero professionista non è sempre una procedura facile da fare, soprattutto quando si fa per la prima volta. A volte potremmo avere dubbi sul fatto che le informazioni che raccogliamo siano aggiornate o accurate. In questo articolo “Come diventare libero professionista in Spagna” ti daremo delle utili informazioni.

Innanzitutto iniziamo spiegando che cos’è un “autónomo” o freelancer o libero professionista. 

Per l’Agenzia delle Entrate in Spagna, essere autonomi significa lavorare da soli. per conto proprio. Ciò implica l’iscrizione al censimento fiscale dell’Agenzia dell Entrate, la registrazione per pagare la tassa sull’attività economica (IAE) e la fatturazione a tuo nome per i beni e servizi forniti. Per saperne di più continua a leggere l’articolo “Come diventare libero professionista in Spagna“.

Come diventare libero professionista in Spagna

In altre parole, il lavoratore autonomo svolge regolarmente, personalmente e direttamente un’attività economica a scopo di lucro senza contratto di lavoro. Ricevi una remunerazione da altre persone anche se non sei titolare di un’azienda familiare o individuale.

Essere un lavoratore autonomo significa che oltre a svolgere il ruolo di lavoratore, sarai anche il capo di te stesso. Devi appartenere ad un regime di previdenza sociale e registrarti al regime speciale per i lavoratori autonomi (RETA).

Qual è l’iter per diventare autonomo? Sicuramente, soprattutto per chi non lo ha mani fatto, potrebbe risultare difficile e laborioso. Noi di Gotothecostadelsol in pochissimo tempo riusciamo ad aprirti la Partita Iva in Spagna. Se desideri ricevere un preventivo senza impegno CONTATTACI o compila il form di seguito.

CONTACT FORM

8 + 10 =

Ti seguiremo passo dopo passo fino ad arrivare all’apertura della tua attività.

  1. Registrazione presso l’Agenzia delle Entrate e richiesta del Numero di Previdenza Sociale;
  2. Registrazione presso il Comune;
  3. Registrazione presso la Comunidad Autónoma.

Che tipo di liberi professionisti esistono?

Non tutti i lavoratori autonomi sono uguali, c’è una notevole eterogeneità a seconda dell’attività professionale che svolgono e del modo in cui la svolgono. Tutti i lavoratori autonomi seguono le stesse regole e contribuiscono allo stesso regime di previdenza sociale, ma differiscono per alcuni aspetti fiscali ed economici.

Esistono 6 diverse tipologie di lavoratori autonomi in base alla loro attività economica:

come-diventare-liberi-professionisti-in-spagna

1. Lavoratori autonomi
Rappresentano la forma più comune della figura di lavoratore autonomo, poiché sono quelle persone che possiedono la propria azienda e la gestiscono per loro conto. Possono o meno aver assunto lavoratori e di solito contribuiscono alle attività aziendali in moduli. Tra gli esempi più comuni abbiamo:

  • Tassisti
    Vettori
    Mercanti
    Costruttori
    Artisti e atleti

2. Freelance e professionisti autonomi
I liberi professionisti sono normalmente iscritti e non possono contribuire direttamente attraverso il regime dei lavoratori autonomi ma attraverso le mutue dei loro Ordini professionali. Tra questi possiamo citare medici, avvocati, architetti, architetti, ingegneri, economisti o agenti commerciali.

I liberi professionisti che non hanno una quota di iscrizione sono generalmente designer, traduttori, programmatori, pubblicisti, assicuratori, truccatori, pittori, ecc. In entrambi i casi è possibile che il lavoratore abbia uno stabilimento ma lavori anche da casa, pagando l’imposta sul reddito delle persone fisiche nella modalità di stima diretta semplificata.

come-diventare-liberi-professionisti-in-spagna-freelancer

3. Imprenditori autonomi e aziendali
Si riferisce a quei lavoratori autonomi la cui attività ha raggiunto dimensioni considerevoli ed hanno più dipendenti a carico. A questo punto formano una partnership per ridurre al minimo il pagamento delle tasse. 

4. Lavoratori autonomi economicamente dipendenti
Se il 75% del tuo reddito come libero professionista proviene da un singolo cliente, non puoi avere dipendenti a tuo carico. Diventeresti un lavoratore autonomo economicamente dipendente.

5. Liberi professionisti agrari
Esiste un sistema speciale per i lavoratori agricoli autonomi (SETA) che consente loro di contribuire alla previdenza sociale. L’importo è generalmente inferiore a quello che deve pagare un lavoratore autonomo regolare.

6. Altri tipi di lavoratore autonomo

  • Collaboratori: si riferisce al coniuge e ai parenti del lavoratore autonomo fino al secondo grado di consanguineità che partecipano all’attività.
  • Soci di cooperative di lavoratori che decidono volontariamente di contribuire al regime dei lavoratori autonomi.
  • Partner di proprietà della comunità e unioni civili non regolari.
  • I partner industriali o coloro che contribuiscono a portare lavoro presso le società regolari e in accomandita.

Profilo dei lavoratori autonomi in Spagna.

Secondo l’Unione dei lavoratori autonomi (UATAE), il 2018 si è chiuso con un’affiliazione media al regime speciale per i lavoratori autonomi (RETA) di 3.254.663 lavoratori autonomi per il 2018. Questa è stata la cifra più alta degli ultimi 10 anni per il Paese. I lavoratori autonomi stranieri rappresentano più di uno su due nuovi imprenditori nel Paese. Inoltre, il 55,4% dei nuovi lavoratori autonomi sono donne contro il 45,6% degli uomini. Tra gli altri fattori che descrivono il profilo dei lavoratori autonomi in Spagna possiamo citare:

Età: di solito hanno tra i 40 ei 54 anni. I giovani imprenditori sotto i 26 anni rappresentano solo l’1,9% dei lavoratori autonomi.
Settore: il commercio si aggiudica la medaglia per l’attività più sviluppata dai lavoratori autonomi.
Anzianità: la maggior parte dei lavoratori autonomi in Spagna ha attualmente più di 5 anni di esperienza nella propria area.
Base contributiva: utilizzano la base contributiva minima dell’86%.
Dipendenti: solo 1 libero professionista su 5 ha un lavoratore sotto la propria responsabilità.

come-diventare-liberi-professionisti-in-spagna-freelancer

Quanto costa essere un lavoratore autonomo?

Uno dei principali obblighi dei lavoratori autonomi è quello di rispettare il pagamento mensile del “canone di lavoro autonomo” che normalmente varia ogni anno. Questa tassa corrisponde alla previdenza sociale e copre il lavoratore autonomo in caso di disoccupazione, malattie professionali, formazione o infortuni.

Attualmente, gli imprenditori che vogliono diventare lavoratori autonomi hanno un primo aiuto mentre la loro attività prende forma. Questo è il tasso forfettario, il che implica che un lavoratore autonomo deve pagare solo 60 euro al mese durante i primi 12 mesi di esercizio. Trascorso questo tempo, devi avere tutte le coperture sociali, pagando il 30% della tua base contributiva per la tua quota di freelance.

Obblighi fiscali dei lavoratori autonomi

Se ti registri come lavoratore autonomo, sappi che dovrai pagare una serie di tasse:

  • Impuesto sobre la Renta de las Personas Físicas (IRPF);
  • Stima oggettiva: Il reddito deve essere inferiore a 250.000 euro all’anno;
  • Stima diretta: Rientrano in questa categoria i lavoratori autonomi che hanno fatturato più di 600.000 euro nell’anno precedente;
  • Imposta sul valore aggiunto (IVA).
come-diventare-liberi-professionisti-in-spagna-freelancer

Se vuoi ricevere maggiori info in merito o desideri aprire un’attività in Spagna ma vuoi essere seguito a 360 gradi, contattaci per una consulenza gratuita

13 + 12 =

Privacy Policy