Gli esperti indicano che gli stranieri residenti saranno uno dei maggiori punti di forza per uscire da questa crisi.

Non ci sarà una migliore campagna promozionale sulla Costa del Sol di quella condotta dagli stranieri che ritorneranno nella loro casa in questa zone della Spagna. Saranno i migliori oratori per un ritorno alla normalità. Inoltre, gli uomini d’affari di Rentacar, ristoranti e bar sulla spiaggia hanno ben chiaro che questi turisti residenziali sono fedeli e saranno i primi a tornare. Già confermato dalle loro lettere inviate ai consolati. E Turismo Costa del Sol riconosce che questi stranieri residenti sulla Costa sono uno dei principali punti di forza della destinazione, che oltre ad investire nelle loro case e generare ricchezza, sono una parte importante di questo settore. Quindi, l’amministratore delegato del Turismo Costa del Sol, Margarita del Cid, ha valorato il turismo residenziale ed ha esortato il Governo ad occuparsi delle peculiarità di ogni destinazione ed a sostenere il ritorno di questi stranieri nelle loro seconde case sempre che lo facciano con tutte le garanzie sanitarie. «Nelle diagnosi per il recupero della destinazione, il turismo residenziale è considerato una forza per uscire da questa crisi. Per questo motivo, ci sono sicuramente possibilità perchè l’Organo Esecutivo possa fare delle eccezioni purché vengano rispettate le misure sanitarie pertinenti “, sottolinea. Continuate a leggere l’articolo dal titolo “La Costa chiede sostegno al Governo per accelerare il ritorno del turismo residenziale”.

La Costa chiede sostegno al Governo per accelerare il ritorno del turismo residenziale

Gli stranieri con case sulla Costa del Sol ed in Andalusia chiedono di tornare e vogliono farlo il più presto possibile. La Regione comprende l’interesse di questi turisti residenziali, ma ricorda che il decreto del Governo impedisce i viaggi. Il vicepresidente de la Junta y consejero de Turismo, Regeneración, Justicia y Administración Local, Juan Marín ha valutato la possibilità di far tornare questi cittadini stranieri che sono proprietari di case in questa zona, tuttavia ha insistito sull’impossibilità di farlo in un momento  dove la Spagna ha chiuso i suoi confini e in cui anche i principali paesi dai quali provengono questi turisti mantengono delle restrizioni. Nonostante questo, al loro rientro dovranno superare dei controlli sanitari. “Posso capire l’interesse degli stranieri che risiedono in Andalusia, ma i confini sono chiusi e non so se i governi dei loro rispettivi paesi lo permetteranno. Né so se prima o poi decideranno di aprire i loro confini “, ha detto Marín. Il consulente ha sottolineato che “se qualcuno ha la sua casa qui e ci sono accordi bilaterali tra la Spagna e qualsiasi Paese come Germania, Regno Unito o Paesi nordici, che sono i mercati con il maggior numero di residenti nella regione, saranno i benvenuti dopo aver passato i controlli di sicurezza. Lo stesso vale per gli spagnoli quando viaggeranno in un altro posto».

Uno dei professionisti scelti da Turismo Costa del Sol per guidare il comitato di esperti che definirà le strategie per il salvataggio di questo settore dopo la crisi sanitaria è il direttore di Les Roches Marbella, Carlos Díez de la Lastra. Lo stesso sottolinea l’importanza del ritorno dei turisti residenziali. “Abbiamo un alto numero di residenti stranieri che vivono qui e che sono tornati nei loro Paesi di origine quando è scoppiata questa crisi. Sarà interessante se questi residenti riusciranno a tornare presto. Non c’è campagna pubblicitaria migliore del tuo vicino che ha una casa a Torremolinos o Malaga per dirti che qui è tutto perfetto”, afferma Díez de la Lastra. Inoltre, afferma che prima torneranno, più veloce sarà il recupero. “Proprio come la partenza affrettata dei residenti è stata negativa, il che ha dato una sensazione di panico maggiore, se iniziassero a tornare, la nostra ripresa sarà più veloce, perché quando vedranno che i cittadini del tuo Paese tornano nella Costa del Sol, avranno la sensazione di che sia una destinazione con un certo livello di sicurezza. Con questo avremo più credibilità e un punto a favore”, sottolinea l’esperto.

Abbi fiducia nella Sanità.

In questo senso, Díez de la Lastra evidenzia la migliore evoluzione della crisi sanitaria in Andalusia. “Inoltre, sebbene la Spagna sia molto danneggiata dall’immagine che ha avuto in questo momento, la Costa e l’Andalusia sono state aree che sono rimaste in una situazione più positiva, con la percezione ora che sta entrando in una fase di più controllo. Come prima eravamo nei notiziari di tutto il mondo, come lo sono ora gli Stati Uniti, se riuscissimo ad evidenziare che abbiamo già attraversato il momento peggiore sicuramente ci può aiutare”, afferma.

Inoltre dichiara: «Non è una destinazione immatura dove una crisi come questa può portare molti danni». Quindi, insiste sul fatto che se la struttura alberghiera risponde attivamente ed “iniziamo a fare investimenti buoni e adeguati per dare tranquillità al cliente, con un’offerta abbastanza importante di ospedali, l’immagine della destinazione sarà buona. Questa è una zona turistica molto consolidata».

Il presidente del Foro del turismo, Luis Callejón Suñé, sottolinea che questi stranieri con residenza saranno “i migliori oratori che la Costa abbia mai visto nella sua vita” e propone voli aerei nell’UE per facilitare il loro ritorno.

Se volete conoscere le 4 fasi di de-escalation in Spagna CLICCATE QUI!

CONTACT FORM

15 + 6 =

Privacy Policy